La Storia del Torrino

Chi Siamo

Il Torrino è una squadra di riferimento per chi gioca e segue il calcio con passione a Roma,

nel quadrante sud-ovest della città. Chiediamo ai nostri giocatori di dare sempre il massimo, insegnando loro lo spirito sportivo dentro e fuori dal campo,

e combinando il tutto anche con un po' di meritato divertimento.

Portiere in azione

Mission

This is a Paragraph. Click on "Edit Text" or double click on the text box to start editing the content and make sure to add any relevant details or information that you want to share with your visitors.

Vision

This is a Paragraph. Click on "Edit Text" or double click on the text box to start editing the content and make sure to add any relevant details or information that you want to share with your visitors.

Allenamento di calcio

Il QUartiere

Approfondimento storico del nome Torrino

Intorno al XV secolo d.C. sulla collinetta accanto al Centro Sportivo "Maurizio Melli" in Via Cina, 91 a ridosso dell'attuale Via del Fosso del Torrino, sorgeva una Torre medievale che fungeva da avvistamento per chi entrava a Roma dalla Via Ostiense/Via del Mare, esattamente all'undicesimo chilometro.

 

Il nome del quartiere Torrino compare per la prima volta nel secolo scorso, in alternativa al toponimo di Torraccia.

 

Con questa maglia rappresentiamo, quindi, anche un pezzetto di Storia della nostra bellissima città...

 

#dajetorrino #iotifotorrino

#torrinocalcio

 

Approfondimenti Storici (Fonte iltaoaroma.altervista)

 

Proseguendo lungo la Via Ostiense, dopo l’incrocio con la Via di Decima si sarebbe incontrata dopo il seicento una “Torracia” costruita su una tomba romana.

La circostante tenuta del Torraccio, confinante con la tenuta di Tor di Valle e di Mostacciano, apparteneva agli inizi del nostro secolo a Costantino Galluppi. La proprietà, poi passata ai fratelli Calabresi, si estendeva verso l’Eur sino all’attuale Velodromo, ed era coltivata da contadini romagnoli e marchigiani.

 

Nei primi anni 60 i fratelli Calabresi vendettero la proprietà ad un consorzio di cooperative.

Nel 1976 furono avviati i lavori di urbanizzazione. Durante gli scavi e nel corso delle lavorazioni agricole nel territorio del quartiere Torrino sono state ritrovate molte ossa di elefante e di cervo del “Paleolitico inferiore”.

 

Tenuta del Torrino

Nel 1979 la realizzazione del nuovo quartiere abitato in località Torrino, lungo la Via Ostiense presso il Grande Raccordo Anulare, ha fornito l’occasione per un’indagine archeologica approfondita su una porzione di territorio che, per posizione e conformazione, presentava condizioni particolarmente favorevoli allo stanziamento umano.

La ricerca è stata condotta a tappeto su una superficie di circa cento ettari, costituita da due principali propaggini collinari di terreno argilloso calcareo poggianti su strati di ghiaia e sabbia con sottostante banco di tufo; su ognuna di queste propaggini si è ritrovata in modo quasi puntuale una successione di testimonianze di vita.

Il risultato più interessante delle ricerche è costituito dall’accertamento della presenza di vita stabile nel comprensorio, dalla seconda metà dell’VIII secolo a.C. fino a tutta l’epoca imperiale romana; inoltre le testimonianze archeologiche, anche se in parte frammentarie a causa della precarietà delle strutture (capanne o edifici con muri a secco e a graticcio) e per le vicissitudini dei luoghi (cave, movimenti di terra, arature, dilavamenti ecc.), sembrano raggruppate attraverso i secoli intorno a determinati punti in modo da poter essere interpretate come possibili entità terriere, che si sono mantenute tali per un arco di tempo considerevole.

 

L’area del Torrino fa parte di un gruppo di alture prospicienti la riva sinistra del Tevere, fra i fossi di Acqua Acetosa e Vallerano a nord e quello di Malafede a sud, a metà strada fra i due antichi abitati di Tellenae (Acqua Acetosa Laurentina) ad est e di Ficana (Acilia) a sud ovest.

Il Torrino sui Social

@torrinocalcio

Nel panorama del calcio dilettantistico della Capitale si sta imponendo in modo piuttosto perentorio il Torrino Calcio, sodalizio nato nel 2020 per espressa volontà e per la passione per il calcio di Vincenzo Malacrinò e dei fratelli Federico e Francesco Muto. La nuova squadra di calcio, espressione endogena del popoloso quartiere Torrino, quest’anno milita nel campionato di promozione, dopo avere partecipato, nel corso della scorsa stagione sportiva, nel Campionato Amatoriale Elite – Serie A dove, dopo aver vinto il titolo provinciale, ha raggiunto le finali nazionali che si sono svolte a Cervia, classificandosi al 4° posto della graduatoria nazionale. La breve storia del Torrino è quindi già impreziosita da buoni risultati dal punto di vista sportivo, seppur amatoriali.

Straordinari, invece, sono i riscontri a livello mediatico. Il grande lavoro fatto in tal senso dalla Dirigenza del Torrino, che si è affidata ad uno staff di veri e propri professionisti del settore digitale, ha prodotto copiosi frutti. Il bacino di interesse si è dilatato in modo rapido ed omogeneo e se in un primo momento i Tifosi del Torrino erano circoscritti al territorio del quartiere, ora il Torrino Calcio annovera numerosissimi Fan non solo a Roma, ma anche in tutta Italia. Si è creata, possiamo affermare senza timore di smentita, una vera e propria tribuna digitale, all’interno della quale siede, virtualmente, un congruo numero di Tifosi Digitali in continua crescita. Lo slogan “Il torrino la mette dentro” sta diventando un vero e proprio tormentone digitale.

 

Numerose ed azzeccate iniziative, i Live Tik Tok, la diretta HD sul Canale Youtube del Torrino, la costituzione di TorrinoTv, hanno fatto in modo che il profilo Instagram sia stato e sia tuttora “invaso” dai Tifosi del Torrino che ogni giorno entrano in contatto con i giocatori con un forte senso di appartenenza, una vera e propria community. Facendo divenire i ragazzi in maglia porpora e avorio dei veri e propri Idoli, seguiti e coccolati come i giocatori del massimo campionato italiano di Serie A. Categoria che, data l’attenta programmazione dello staff dirigenziale, rientra nel mirino della società.

Possiamo affermare che la popolarità raggiunta dimostra che a livello sportivo in generale e calcistico in particolare, non esiste solo la Serie A. Questo innovativo sistema di promuovere il calcio, conseguentemente, è stato preso a modello da altre squadre di ogni categoria che hanno sposato il progetto Torrino.

 

Altre iniziative stanno avendo un successo inaspettato, come il Torrino Store, lo shop virtuale del Torrino con il quale i tifosi digitali, e non, possono acquistare il materiale tecnico e di rappresentanza che veste la squadra e sfoggiarlo sui loro profili social a supporto del Torrino.

 

Non solo abilità mediatica, in ogni caso. La società è ben strutturata da tutti i punti di vista, in primis a livello tecnico. Il Direttore sportivo, Federico Muto, assieme all’allenatore ed agli altri stretti collaboratori stanno già lavorando sulla prossima campagna acquisti, decisi ad approcciarsi al calcio mercato con le carte in regola, pronti, cioè, a stupire in modo positivo la propria tifoseria, quella sulle tribune ma anche la tifoseria digitale proveniente dal Mondo Social.

 

ln futuro, o meglio, in preparazione della stagione 2022/23 la società è intenzionata ad intraprendere un ulteriore percorso innovativo anche verso gli E-sports con un Team dedicato di giocatori virtuali che andrà a comporre la squadra digitale del Torrino E-sports.